Sintomi dello stress: come riconoscerli e come gestirli

di Daniele Pace Commenta

Spread the love

Lo stress è una condizione che altera l’equilibrio psico-fisico, attraverso la costante somatizzazione che comporta un malessere prima emotivo, poi fisico. Essa è una condizione patologica che può cronicizzarsi e comportare cosi una conseguente assuefazione ad una costante condizione di malessere. E’ una condizione patologica figlia di questa epoca, di questo tempo, che impone delle regole comportamentali spesso insostenibili, che apportano una condizione di malessere, innescando cosi circuiti di negatività che risucchiano le energie positive come in un vortice. Le persone parlano con estrema naturalezza dello stress, nella piena consapevolezza di esserne affetti, ma in realtà, poco si conosce di questa patologia e delle modalità con cui affrontarla.

 

Lo stress va innanzitutto riconosciuto: esso si manifesta attraverso sintomi precisi, che tendono a manifestarsi in modo costante e spesso in contemporanea:

  • Lo stress causa mal di testa: chi ne soffre, ha spesso mal di testa; la causa dello stesso, è appunto questa condizione perché, essa determina una rigidità muscolare e un aumento della pressione arteriosa, che causa il mal di testa.
  • Rigidità muscolare: Lo stress, aumenta il ritmo della respirazione, per cui il diaframma tende a irrigidirsi; questa condizione, causa inevitabilmente una risposta muscolare, per cui, la schiena, e in particolare la zona lombare e quella relativa ai muscoli della zona cervicale, tendono a dolere, causando dolore.
  • Inappetenza: essere stressati influisce sulla nostra pancia che risponde alle nostre emozioni, per cui in condizione di pressione psico-emotiva, lo stomaco di chiude, causando anche fitte, crampi, nausea, vomito e diarrea.
  • Insonnia: il cortisolo, che è l’ormone dello stress, aumenta quando si è sotto pressione, per cui, si tende in modo inevitabile a subire un’alterazione del ritmo sonno veglia.

Spesso questa patologia viene confusa con l’ansia: in realtà, si tratta di due condizioni patologiche diverse, anche se a volte, esse possono in qualche modo intrecciarsi e confondersi. L’ansia è maggiormente proiettata verso il futuro, mentre lo stress, schiaccia sul presente.

 

Per combattere lo stress, dunque, è importante in primis, imparare a riconoscerne i sintomi e successivamente, imparare a gestire questa condizione nel modo più appropriato. Tutto parte da una corretta e sana alimentazione e da uno stile di vita soft, che aiuti a ridimensionare la pressione e a ripristinare l’equilibrio psico-fisico; fare degli esercizi di respirazione è altrettanto importante, cosi come camminare o praticare un’attività fisica che rilassi. Parlare, con una persona esperta, o con una persona fidata, aiuta a mettere a fuoco il problema. Concentrarsi sul qui e ora, senza proiettarsi verso il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>