Quando il barbecue può far male alla pelle

di Malvi Commenta

La bella stagione è cominciata ed è tempo di grigliate all’aria aperta. Ma il barbecue può avere effetti negativi sulla pelle quindi occorre non esagerare con questo tipo di alimentazione.


La cottura alla brace produce infatti idrocarburi policiclici aromatici, sostanze nocive che possono entrare nel nostro organismo, respirando il fumo prodotto dai barbecue, ma anche al semplice contatto con l’epidermide. La ricerca, realizzato dai ricercatori delle università di Jinan e Pechino, e pubblicato sulla rivista Environmental Science & Technology, è stata condotta su un gruppo di volontari ai quali è stato chiesto di partecipare a un “barbecue sperimentale”, dividendoli in due gruppi ed esponendoli in modo più o meno diretto ai fumi della cottura. Esaminando quindi le urine dei volontari hanno potuto stabilire quali forme di contatto con il fumo risultassero più dannose.

La via d’ingresso principale degli Ipa nel nostro organismo (ingestione a parte) passa per la pelle e a poco servono i vestiti che a quanto pare non sono in grado di proteggerci. La soluzione? Non avvicinarsi troppo alla zona dove vengono cotti i cibi alla griglia, e di effettuare un cambio d’abito il prima possibile una volta abbandonato un barbecue.

Photo | Pixabay