Ictus, l’importanza di riconoscerlo subito

di Ma.Ma. Commenta

Come riconoscere l’ictus e prevenirlo? In occasione della Giornata Mondiale per la prevenzione dell’ictus cerebrale e per favorire l’accesso alle migliori cure per i pazienti a rischio, l’ALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alla malattie cardiovascolari – fornisce alcune importanti informazioni su una malattia che purtroppo, ancora oggi, è in grado di rivelarsi molto pericolosa per la salute.

Dice la vicepresidente di ALT, la dottoressa Paola Santalucia:

L’ictus va riconosciuto tempestivamente appena compaiono i sintomi e va curato in modo appropriato, senza perdere tempo: è un ‘emergenza medica, e i pazienti dovrebbero essere ricoverati e curati in unità opportunamente attrezzate chiamate Stroke Unit, nelle quali l’alta competenza dei medici e degli infermieri e la struttura organizzativa consentano di fare il massimo per salvare il paziente e ridurre le probabilità di invalidità gravi residue.

ICTUS, SI PREVIENE CON UNO STILE DI VITA CORRETTO?

Il presidente della World Stroke Organization, il professor Stephen Davis, ha evidenziato l’importanza di riconoscere subito l’ictus per avere buone probabilità di superarlo con successo:

Le cure appropriate e tempestive possono ridurre fortemente la probabilità di queste tragedie e salvare tante vite. Noi vogliamo richiamare l’attenzione dei Governi di ogni singolo Paese affinché prendano provvedimenti immediati mirati ad accendere i riflettori su questo disastro annunciato, per salvare vite e garantire diagnosi e le cure migliori a tutti

BERE BEVANDE GASSATE AUMENTA IL RISCHIO DI ICTUS

La rapidità nel riconosce i sintomi dell’ictus può davvero fare la differenza per affrontare l’ictus e arginarne le conseguenze negative.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>