Giornata Mondiale Linfoma, come convivere con la malattia

di Ma.Ma. Commenta

Il 15 Settembre si celebra la Giornata Mondiale per la Consapevolezza sul Linfoma, malattia purtroppo molto diffusa che porta più di 1 paziente italiano su 4 a smettere di lavorare e provoca un significativo peggioramento del proprio stile di vita in più di 1 caso su 3. I dati emergono dalla indagine Oltre il linfoma, realizzata e diffusa dall’Associazione nazionale Linfovita Onlus.

linfoma

I linfomi sono tumori del sangue che, solo in Italia, colpiscono 15.400 persone ogni anno e con cui oggi convivono oltre 150 mila italiani. Molto spesso una tempestiva diagnosi (attraverso una attenta presa di coscienza dei sintomi) può aiutare a conoscere un epilogo felice della malattia. Spiega Davide Petruzzelli, Presidente Associazione Linfovita Onlus:

 9 SINTOMI DA NON SOTTOVALUTARE, ANCHE SE SEMBRA SOLTANTO FEBBRE

Ansia, sbalzi d’umore, stanchezza, perdita del lavoro e mancanza di un sostegno psicologico: abbiamo indagato i principali ostacoli e i bisogni degli italiani che vivono un linfoma, chiedendolo a chi ha vissuto e superato la malattia. Quello che emerge, però, è che un’esperienza di linfoma non si supera mai del tutto, anche dopo la guarigione. È un dato preoccupante se si considera che nei linfomi, grazie ai progressi terapeutici, la percentuale di lungo sopravviventi può essere superiore al 60% e solo una qualità di vita accettabile è la vera e definitiva liberazione dalla malattia. In occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza sul Linfoma saremo a Milano, in Piazza Città di Lombardia, dove in collaborazione con l’Assessorato al Welfare di Regione Lombardia informeremo gli italiani sui linfomi ed effettueremo dei controlli gratuiti dello stato di salute

Foto | Thinkstock