Il cervello si difende dall’invecchiamento a tavola

di Pina Commenta

A tavola ci si può difendere dall’obesità ma anche dall’invecchiamento e dal declino cognitivo. Una ricerca spiega che chi ha una dieta varia, ha un rischio inferiore del 44% di andare incontro al declino cognitivo. Ma devono essere presenti dei gruppi di alimenti. Vediamoli insieme. 

Per prima cosa a tavola ci devono essere frutta e ortaggi scelti tra quelli di stagione. Bisogna prevedere nel corso della giornata di assumere frutta e ortaggi di colori diversi preferendo ricette con più ortaggi invece che con uno solo.

Per quanto riguarda i cereali occorre sceglierli tra quelli integrali alternando la pasta al riso e poi anche al farro, all’orzo, alla quinoa e agli altri cereali simili.

Alternare i latticini come la ricotta con i formaggi freschi e stagionati, aiuta anche a sedimentare il calcio nelle ossa. Bisogna pertanto assumere anche le dosi consigliate dai dietisti di latte e yogurt o usare questi elementi per la creazione dei piatti.

Alternare carni madre e pesce e usare sempre quelle specie meno conosciute ma più gustose è un’ottima abitudine. Avvicendare anche piselli, fagiolini, lenticchie, ceci e zuppe o piatti unici e polpette è cruciale.

Infine bisogna menzionare i grassi da condimento. Oltre agli oli vegetali, anche la frutta secca a guscio è un’ottima fonte di grassi buoni. La dieta variata che prenda spunto da questi elementi è essenziale per contrastare l’obesità ma anche l’invecchiamento cerebrale. Lo ha spiegato molto bene una ricerca pubblicata su Geriatrics and Gerontology International. A lavorare sull’argomento ci hanno pensato dei ricercatori giapponesi partendo dal presupposto che la carenza di alcuni nutrienti aumenta il rischio di demenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>