Chi fuma vive in media dieci anni di meno

di Ma.Ma. Commenta

Chi fuma vive in media dieci anni di meno: è questo il risultato di un editoriale uscito sulla prestigiosa pubblicazione scientifica New England Journal of Medicine e scritto dal dottor Leonardo Fabbri, pneumologo e professore di Medicina all’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Chi pensa di essere un fumatore sano, insomma, si sbaglia di grosso. I fumatori sani non esistono e solo in Italia la vita di circa 9 milioni di italiani sarebbe a rischio per patologie polmonari non diagnosticate destinate a peggiorare nei prossimi anni.


Chi fuma, pur in assenza di sintomi ben precisi che riconducono a malattie specifiche, deve spesso fare i conti con alterazioni biochimiche, cellulari o funzionali. Tante sono le persone fumatrici che accusano spesso tosse e difficoltà respiratorie che vengono considerate “normali”, per chi ha il vizio del fumo, ma che in realtà sono un campanello di allarme da non sottovalutare, spia che qualcosa non funziona. Gli effetti dannosi del fumo peraltro si conoscono da tempo e quindi la cosa non stupisce.

 COME SMETTERE DI FUMARE CON I RIMEDI OMEOPATICI

Quello che stupisce è il quadro impietoso che salta fuori se ci soffermiamo a riflettere sui numeri. In Italia ogni anno, a causa del fumo muoiono 83mila persone, delle quali una su quattro, hanno un’età compresa tra i 35 ed i 65 anni. A livello mondiale, le sigarette sono responsabili di un numero di decessi maggiore di quello causato da alcol, Aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. Numeri che fanno rabbrividire e che, già così, dovrebbero indurre le persone a non fumare.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>