150 minuti di attività fisica per ritrovare la forma

di Redazione Commenta

Spread the love

Ogni giorno per ritrovare la forma fisica, sarebbero sufficienti 150 minuti di attività fisica. Insomma due ore e mezza di attività aerobica per tonificare i muscoli ma garantirsi anche un metabolismo ad hoc, evitando le cosiddette malattie del benessere.

Non bisogna sprecare tempo e soldi inutilmente, ma bisogna investire tempo e denaro nel benessere partendo dal dedicarsi 150 minuti di attività fisica ogni settimana. Che poi non è detto che vadano fatti in palestra. Il walking come anche le faccende di casa, spesso sono provvidenziali.

L’importante è che si facciano almeno due ore e mezzo di attività. Il benessere, stando a quanto riporta MeteoWeb, “passa da 150 minuti a settimana attività fisica aerobica così da poter mantenere il benessere fisico e mentale della popolazione italiana di adulti e anziani.

Naturalmente le cose cambiano quando si parla di giovani e bambini, per loro è sufficiente qualcosa in meno. “Per i giovani ed i bambini la ricetta del benessere è di 60 minuti al giorno di attività fisica. Queste sono le raccomandazioni date dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nell’edizione della

“Strategia per l’attività fisica OMS 2016-2020” per l’Europa. L’Oms ritiene l’inattività “responsabile di un milione di decessi l’anno in tutto il continente“. L’obiettivo è quello di far crescere i livelli di attività fisica tra adulti, anziani e bambini per “ottenere una riduzione relativa del 25% della mortalità precoce dovuta a malattie cardiovascolari, tumori, diabete o malattie respiratorie croniche; ottenere una riduzione relativa del 25% della prevalenza dell’ipertensione, oppure, a seconda della situazione nazionale, contenere la prevalenza dell’ipertensione; fermare l’aumento del diabete e dell’obesità. L’aumento della sedentarietà di bambini e adolescenti desta allarme. Solo il 34% degli adolescenti europei di età compresa tra 13 e 15 anni è fisicamente attivo ai livelli consigliati dalle presenti linee guida. Ciò contribuisce – conclude l’Oms – all’aumento dei bambini sovrappeso ed obesi in Europa“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>