Come curare le afte con i rimedi della nonna

di Pina Commenta

Le afte sono delle piaghe o vescicole che si formano all’interno della bocca o nella zona che la circonda. Le afte non sono dovute ad infezioni batteriche bensì al virus herpes simplex. Questo virus è latente nel nostro corpo e può manifestarsi in seguito ad alcune cause scatenanti come febbre e influenza, stress e affaticamento, interventi odontoiatrici o traumi di vario genere.

Vediamo quindi alcuni dei rimedi della nonna più popolari per curare l’afte.

Ghiaccio

Un rimedio semplice e pratico è quello di utilizzare del ghiaccio. Passato sulle vescicole, di tanto in tanto nell’arco della giornata, aiuta a ridurre il dolore.

Anche il tè è un rimedio pratico ed immediato. Realizzare un infuso di tè fatto poi raffreddare vi aiuterà a trovare sollievo e ad accelerare la guarigione, passandolo sulle afte, aiutandosi con una garzina o un cotton-fioc e tenendo l’infuso per qualche minuto o risciacquando con esso la bocca.

Foglie di rovo

Le foglie di rovo, la pianta delle more, possono essere utilizzate per realizzare un decotto dal potere cicatrizzante. Vi basterà raccoglierne 50-100 grammi e metterle a bollire in un litro d’acqua per circa 5 minuti. Si lascia poi il tutto in infusione per circa 10 minuti. A questo punto si filtra e si utilizzata il decotto ottenuto per risciacquare la bocca. È possibile aggiungere del miele per migliorarne il sapore.

Bacche di mirtillo

Frantumate 100 grammi di bacche di mirtillo secche e mettete il tutto a macerare in 500 grammi di acquavite per 15 giorni. Il macerato va mescolato di tanto in tanto e poi si filtra il tutto. Anche questo può essere utilizzato per sciacquare la bocca o per applicazioni locali.

 

Trovi tanti altri rimedi della nonna qui.

Photo Credits |Syda Productions/ Shutterstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>