Come curare insicurezza e timidezza con i rimedi omeopatici

di Pina Commenta

L’insicurezza, la timidezza, l’ansia, l’agitazione, a volte possono rendere la vita impossibile. Si vivono costanti emozioni e sensazioni di disagio che colpiscono per lo più nella vita sociale. I momenti di convivialità possono diventare un vero incubo per chi non si sente come gli altri, per chi si percepisce “diverso”, per chi non riesce ad essere disinvolto, per chi fa fatica a socializzare e si sente timido, insicuro e impacciato.

L’omeopatia è naturalmente uno dei trattamenti ideali per curare queste tipologie di stati d’ansia, agendo sugli stati emotivi senza effetti collaterali indesiderati.

Vediamo insieme quali rimedi omeopatici possono aiutare quanti vivono costantemente questa situazione di disagio.

  • Timidezza estrema

Premettendo che la timidezza non è un problema, ma un lato normale del carattere che non deve far sentire chi lo è diverso dal resto del mondo, c’è chi sente di soffrire di una timidezza estrema, che non consente ed impedisce anche le più normali attività quotidiane. Si tratta di uno stato emotivo che rende sensibili a tutto, ogni minima emozione viene vissuta con apprensione e disagio, con effetti psicofisici davvero insopportabili come spasmi della muscolatura liscia dello stomaco, dell’intestino, dell’apparato respiratorio o la tosse nervosa. In questi casi, il rimedio omeopatico consigliato è l’Ambra Grisea 9 CH, da assumere in 5 granuli ad ogni crisi acuta o 5 granuli tre volte al giorno.

  • Eccessiva insicurezza

Un altro stato emotivo che accompagna moltissime persone nella loro vita e che si manifesta soprattutto al sopraggiungere di eventi particolari è l’eccessiva insicurezza. Questa può provocare stati di panico ad esempio prima di un colloquio o un incontro importante, prima di un esame, in momenti in cui si sa che si starà al centro dell’attenzione, e così via. Può capitare a volte, nel corso della nostra vita, di sentirci insicuri, ma quando questo provoca stati d’ansia e sconforto davvero eccessivi, è bene correre a qualche rimedio. In questo caso il rimedio omeopatico consigliato è il Gelsemium sempervirens 15 CH, da assumere in 5 granuli ad ogni crisi acuta o 5 granuli tre volte al giorno.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>