Silence Therapy: un aiuto contro l’invecchiamento

di Pina Commenta

È stato dimostrato che il rumore è una fastidiosa fonte di stress e un acceleratore dell’invecchiamento dei tessuti. La sua azione è negativa su mente e corpo e la tensione costante che genera porta spesso a problemi d’insonnia e in alcuni casi, di aumento di peso.

Come già accennato, il rumore accelera l’invecchiamento, provocando l’aumento delle rughe, occhiaie e borse sotto gli occhi.

Non è certo un mistero che il silenzio, fin dall’antichità, è praticato per ritrovare il proprio equilibrio fisico e mentale. È uno dei pochi rimedi facili ed immediati che aiutano a ritrovare la serenità e la calma, il silenzio, infatti, può ridurre il ritmo cardiaco e la pressione sanguigna, rallenta la respirazione e stabilizza il ritmo delle onde cerebrali, apportando una sensazione di calma.

Ecco alcuni consigli per praticare la Silence Therapy:

Un grande alleato nella “terapia del silenzio” è l’acqua. Immergersi in una vasca da bagno, circondati dal silenzio è l’ideale per ritrovare relax e serenità. L’acqua è un vettore naturale di benessere e forza rigeneratrice. Nell’acqua ci sentiamo più leggeri e quindi in armonia con il nostro corpo.

Il consiglio in più è l’idromassaggio, che si rivela un vero e proprio toccasana anti-aging. L’idromassaggio riattiva la circolazione del corpo, purifica le vie respiratorie e la cute. Poter fare un idromassaggio, avvolti dal silenzio, potenzia i benefici di questa pratica.

Seguendo questi consigli è possibile creare in casa un angolo e un momento importantissimo di benessere personale, lontano dai rumori che sono lì fuori, nel traffico della città. A ringraziarvi non saranno soltanto le vostre orecchie, ma anche il vostro viso, disteso e rilassato, tutto il corpo ed anche la mente.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>