Spazzole: tipi e usi diversi

di Pina Commenta

Vi è mai capitato di dover scegliere una spazzola per i vostri capelli e di perdervi nel mare di tipologie, rotonde, di legno, piatte, a rullo e così via? Vi aiutiamo a capire qual è la spazzola più adatta ai vostri capelli e alle vostre esigenze.

  • Per i capelli ricci

Se hai i capelli ricci, che tendono ad annodarsi, la spazzola ideale per i tuoi capelli è di legno e a denti radi e lunghi, inclinati in modo da districarsi facilmente tra i ricci. L’ideale è usarla solo sui fusti umidi.

  • Per creare chiome mosse o con boccoli

Se l’obiettivo è quello di creare con la spazzola dei boccoli o una chioma mossa e voluminosa, la spazzola a rullo è quello che fa per te. Ce ne sono di ogni dimensione, appunto per rispondere a ogni tipo di esigenza, ridotte per onde piccole, e più grandi per onde più ampie. Si può scegliere una spazzola a rullo termica, in grado di trattenere il calore oppure una in legno per evitare l’effetto elittrizzato.

  • Per eliminare il crespo e avere chiome lisce

Nel caso in cui si voglia una chioma setosa ed eliminare il crespo, l’ideale è una spazzola a clessidra se si hanno i capelli corti, e una larga e piatta se i capelli sono lunghi. Per ottenere l’effetto desiderato bisogna raccogliere la ciocca nella spazzola e usare il phon per scaldarla e poi tirarla giù.

  • Per capelli lunghissimi

Se la tua chiamo è lunghissima, la spazzola che fa per te è tonda, dal diametro non troppo grande, con le setole a spillo e con gli angoli stondati.

  • Per capelli fini e spenti

L’ideale in questo caso è la classica spazzola della nonna, quella ovale, piatta con setole di cinghiale. La sua caratteristica è quella di distribuire in sebo in modo uniforme e rendere i capelli più lucidi.

E il pettine? Un pettine in pvc a denti larghi è l’ideale per distribuire il balsamo dopo lo shampoo, soprattutto se hai capelli lunghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>