Obesità infantile: tutti gli errori e le soluzioni

di Pina Commenta

Cala dopo 10 anni di continuo aumento, il sovrappeso e l’obesità tra i bambini, ma l’Italia resta maglia nera d’Europa assieme a Cipro. Nonostante i chili di troppo siano collegati a numerose e gravi malattie, come quelle cardiovascolari, in fatti di alimentazione l’Italia si dimostra poco consapevole.

Quali sono gli errori più frequenti?

L’educazione alimentare resta cruciale: risultano ancora troppo frequenti tra i bambini le abitudini che possono favorire l’aumento di peso. Il 9% di loro salta la prima colazione e il 31% fa una colazione non adeguata; il 67% fa una merenda di metà mattina troppo abbondante; mentre il 21% dei genitori dichiara che i propri figli non consumano quotidianamente frutta e/o verdura. Ben il 43% consuma abitualmente bevande zuccherate e/o gassate, nonostante siano noti i rischi correlati.

I bambini sono troppo sedentari: il 16% pratica sport solo un’ora a settimana o meno; il 42% ha la TV in camera (ma il dato segna un leggero calo: -6%); il 36% guarda la TV e/o gioca con i videogiochi per più di 2 ore al giorno (-11%) e solo un bambino su 4 va a scuola a piedi o in bicicletta.
Problema più grande di tutti: i genitori non sempre sono consapevoli dei problemi relativi al peso dei propri figli. Tra le madri di bambini in sovrappeso o obesi, dice il Ministero, “il 38% non ritiene che il proprio figlio sia in eccesso di peso”.

A rischio maggiore ci sono i figli di famiglie povere o di genitori single. I peggiori nemici della salute dei bambini sono i sensi colpa, che spingono a supplire alle minori attenzioni con cibo spazzatura. Perché c’è sempre poco tempo, e quindi anche cucinare è un lusso: si preferiscono cibi pronti o take away.

Quali sono le dritte da seguire?

  • Ritrovarsi insieme al momento dei pasti, uniti intorno a un tavolo, diminuisce il rischio di sovrappeso del 50%, secondo i risultati di un più ampio studio condotto a livello europeo dall’università di Brema.
  • I dolciumi vanno considerati solo cibo della festa, comprese bibite zuccherate (e succhi), cioccolato e caramelle. È già così per gli svedesi (primi della classe secondo il rapporto), mentre gli italiani ne abusano anche ogni giorno.
  • Frutta e verdura devono diventare un’abitudine quotidiana, se non c’è possibilità o tempo di prendere quella fresca va bene anche già lavata o congelata, sempre meglio dell’hamburger con tonnellate di salsine grasse.
  • Fare sport (magari all’aria aperta) tutti i giorni. Sembra ovvio, ma sono ancora troppo pochi i bimbi che vanno a scuola a piedi o in bici, o che passano qualche ora del pomeriggio (di tutti i pomeriggi) a correre e saltare. Anche in questo siamo troppo italiani (rispetto agli svedesi), e ci spaventano di più due gocce d’acqua di un bambino che rischia davvero la sua salute stando in poltrona.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>