Cancro al seno e chemioterapia: possibili cambiamenti neurofisiologici

di Braganti Commenta

Un nuovo studio ha messo in luce come pazienti con cancro al seno trattati con chemioterapia e radioterapia possano andare incontro a problemi di memoria, difficoltà di concentrazione e altri problemi cognitivi. Pare quindi che questo tipo di trattamento possa scatenare dei cambiamenti neurofisiologici; non è la prima volta che si cerca di fare chiarezza su questo fenomeno. Infatti all’inizio c’è stato un dibattito all’interno della comunità scientifica perchè si pensava che questo fosse da imputare a un problema psicosomatico ma la dottoressa Patricia Ganz, direttore del cancer prevention and control research insieme ad alcuni colleghi UCLA, sono riusciti a dimostrare che vi è una correlazione tra peggiori prestazioni neuropsicologiche nei test sulla memoria e facoltà cognitive in quei pazienti malati di cancro sottoposti a chemioterapia e radioterapia; non si tratterebbe quindi di un problema psicosomatico.

Ha spiegato

Lo studio è uno dei primi a dimostrare che le difficoltà cognitive riportate dalle pazienti, spesso definita come “chemio cerebrale” in coloro che hanno ricevuto la chemioterapia, possono essere associate alle prestazioni nei test neuropsicologici

La ricerca ha coinvolto 189 pazienti con età media di 52 anni, affette da carcinoma della mammella, che hanno preso parte allo studio un mese circa dopo aver completato i loro trattamenti iniziali del cancro al seno, e prima di iniziare la terapia ormonale sostitutiva endocrina; l’età media era di 52 anni. Di queste pazienti due terzi avevano subito una chirurgia conservativa del seno, più della metà aveva ricevuto la chemioterapia, e tre quarti erano state sottoposte a radioterapia. Un altro gruppo di donne sane di pari età è stato utilizzato quale parametro e controllo. Dallo studio sono state escluse pazienti che avevano gravi sintomi depressivi; hanno anche preso in considerazione il tipo di trattamento oncologico impiegato e se condizioni come ad esempio menopausa o cambiamenti ormonali avrebbero potuto avere a che fare con problemi cognitivi.

I ricercatori hanno quindi constatato che quelle pazienti sottoposte a chemioterapia e radioterapia hanno riferito maggiori problemi cognitivi.

La dottoressa Ganz ha quindi spiegato

In passato, molti ricercatori hanno affermato che non si poteva contare sulle denunce da parte dei pazienti o sul fatto che fossero depressi, perché gli studi precedenti non hanno potuto trovare questa associazione tra test neuropsicologici e le denunce su problemi cognitivi. In questo studio, siamo stati in grado di osservare i componenti specifici dei disturbi cognitivi e riscontrare che sono stati associati con le più importanti anomalie neuropsicologiche nei test di funzionalità

Lo studio è stato pubblicato all’interno del Journal of National Cancer Institute.

Via| http://psychcentral.com

Photo Credits| Tips Times su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>