Le cure naturali per il reflusso gastroesofageo

di Mariella Commenta

cure-naturali-reflusso-gastroesofageo

É un disturbo che si può curare con i farmaci, ma le cure naturali per il reflusso gastroesofageo riescono ugualmente a risolvere i problemi di bruciori di stomaco ed i disturbi che esso comporta, come aumento della salivazione fino ad arrivare alla tachicardia, perchè i dolori retrosternali coinvolgono anche il cuore.

Il reflusso gastroesofageo è legato soprattutto allo stile di vita e all’alimentazione, è sempre più diffuso anche fra bambini e adolescenti. Dovuto all’infiammazione della delicata mucosa dell’esofago da parte dell’acidità gastrica, ha sintomi davvero fastidiosi a partire dal bruciore alla bocca dello stomaco.

Bisogna curare molto l’alimentazione ed evitare, dove è possibile, o almeno limitare, i vizietti alimentari, come pizzette e stuzzichini piccanti, happy hour abbondanti e cibi grassi o fritti. Anche alcolici e fumo sono nemici giurati, meglio preferire analcolici e cocktail a base di frutta.

Se hai bruciori solo sporadicamente, magari al cambio di stagione o con la ripresa della solita routine, per te il reflusso gastroesofageo non è un vero problema. Ne soffri infatti ogni tanto, soprattutto quando sei molto stressata. In questi casi puoi benissimo fare a meno di seguire le terapie con i farmaci antiacidi e puntare invece sulle cure naturali.

Tra gli estratti vegetali capaci di tamponare e regolarizzare l’acidità gastrica ci sono curcuma e zenzero, la prima anche dotata di attività antinfiammatoria. Queste piante si trovano riunite, assieme ad altre erbe indiane, in un preparato ayurvedico in compresse: prendine un paio dopo i pasti principali associate al prodotto omeopatico Nux vomica 5CH, tre granuli tre volte al giorno.

Anche la clicirrizina estratta dalla liquirizia è molto utile per la sua azione antinfiammatoria e protettiva della mucosa gastrica. Le dosi: 6-8 milligrammi di estratto per chilo di peso corporeo in due somministrazioni giornaliere. Bisogna fare però attenzione se soffri di pressione alta: la liquirizia è controindicata.

Nel giro di un paio di settimane i tuoi bruciori di stomaco dovrebbero scomparire, sempre che rimedi agli errori alimentari. Tieni presente però che, anche con le cure di erbe, è importante farti seguire da un medico esperto, altrimenti rischi di non ottenere nessun beneficio.

Photo credit: uve☂ su Flickr