Allergie alimentari: molti locali non indicano gli allergeni

di Braganti Commenta

Parliamo di allergie alimentari e di rischi che si possono corrrere quando si mangia fuori; pensate infatti che appena il 3% dei locali informa della presenza di allergeni, rendendo quindi piuttosto complicato evitare prodotti pericolosi per la salute. E, se consideriamo ad avere almeno un’allergia o intolleranza alimentare è il 5% degli italiani direi che è arrivato il momento di agire e di fare qualcosa per proteggere la salute.

Come ricorda Lamberto Santini, presidente dell’Adoc

Solo un ristorante su trenta segnala la presenza di eventuali allergeni nel menu, mettendo a rischio la salute, se non la vita, di circa 3 milioni di italiani che hanno un’allergia agli alimenti basti pensare che il 60% dei casi di shock allergici avviene fuori casa

Ricorda come l’attuale D.lgs. 114/2006 conosciuto anche come “normativa allergeni” non preveda che i locali indichino obbligatoriamente la presenza di alimenti allergenici che si riferisce solo all’etichettatura dei prodotti messi in vendita; tuttavia a partire dal 2014 anche i locali avranno questo obbligo. Santini dice anche che il numero dei vegani, che quindi hanno eliminato dal menu qualsiasi alimento di derivazione animale e non solo carne e pesce è in aumento eppure anche in questo caso pare che i ristoratori prestino poca attenzione che solo nel 5% dei casi specificano l’origine ed i componenti delle pietanze. Ed è invece il caso di essere pienamente consapevoli di quello che si mangia fuori.

Photo Credits| extravigator su Flickr

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>