I consigli per una corretta alimentazione

di Mariella Commenta

L’alimentazione è un bisogno primario di ogni essere vivente: l’uomo si rivolge prima al seno materno e poi all’ambiente per cercare il cibo. Eppure la scelta della quantità e della qualità degli alimenti di cui l’individuo si nutre viene rapidamente sottomessa a una serie di norme di produzine e di consumo e ammantata di simboli tali da far divenire l’alimentazione un fenomeno estremamente complesso. Il cibo è legato al rapporto primario tra la madre e il figlio ed esprime il veicolo della prima relazione vitale. Risulta strettamente collegato alla sensualità orale e ai rapporti interpersonali ed è fortemente influenzato da fattori psicologici e socioeconomici che investono l’alimentazione di una forte carica emotiva e simbolica.

Chi soffre di disturbi alimentari, quali l’anoressia o l’obesità, può addirittura utilizzare il cibo per esercitare un controllo su sé stesso e sugli altri. Ogni giorno introduciamo mediamente dalle 500 alle 1000 calorie in più rispetto al fabbisogno. Poichè le entrate sono superiori alle richieste energetiche, il nostro corpo non spreca nulla e converte il surplus in grasso. È necessario, quindi, fare ricorso ad una alimentazione sana con minore densità energetica e quindi privilegiare gli alimenti integrali e aumentare la quota di alimenti di origine vegetale.

Le regole per un’alimentazione sana

  • Mangiare di tutto senza eccedere nella quantità e senza escludere completamente alcun elemento.
  • Suddividere la razione quotidiana in cinque pasti.
  • Ripartire le calorie tra glucidi, lipidi e protidi, privilegiando gli alimenti ricchi di vitamine, sali minerali, acqua e fibra.
  • Ritrovare il piacere dei gusti diversi degli alimenti crudi oppure cotti senza grassi, e scegliere un gruppo di ricette di proprio gradimento.
  • Ricordarsi delle vecchie tradizioni, quali il consumo non troppo frequente di carne e il rispetto dei cicli stagionali per frutta e verdura.
  • Variare i menù e cercare di mangiare in compagnia.
  • Evitare lo scatolame, i cibi precotti e i fast food.
  • Ridurre moltissimo i fritti e, nel caso di fritture, utilizzare olio di oliva,
  • Evitare il consumo di alimenti dolci (caramelle, cioccolatini, torroni, ecc) che non apportano altro che zuccheri semplici, con effetti negativi sulla qualità dell’alimentazione, sul peso e sui denti.
  • Evitare i superalcolici e preferire, piuttosto, moderate quantità di vino e birra consumate durante i pasti: non più di un bicchiere a pasto.
  • Abituarsi a non considerare il cibo come un premio per le proprie frustrazioni, ma quale mezzo per migliorare la salute.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>