La forfora, se non è occasionale, è un problema da risolvere, i rimedi efficaci

di Mariella Commenta

Le scagliette bianche che occhieggiano tra i capelli e cadono lì sulle spalle, bene in vista, fanno sentire un po’ di disagio. A risentirne può essere anche la sicurezza in sé che viene da una capigliatura splendente e da un aspetto ordinato. La forfora, infatti, non solo si vede e provoca prurito al cuoio capellulo, ma sciupa anche i capelli, rendendoli secchi e fragili, con doppie punte, oppure grassi e pesanti. Insomma, si nota e dà l’impressione, anche se del tutto sbagliata, di scarsa pulizia. I cosmetici attuali permettono di affrontare con successo il problema,e, grazie alle nuove ricerche biochimiche e alle tecnologie più innovative, si spingono anche più in là, favorendo la ristrutturazione, la protezione e la corposità del fusto.

La forfora secca
Sono piccole squamette, leggere e biancastre, si riconosce facilmente anche perché non unge il capello, che anzi è asciutto e fragile. La causa è la secchezza del cuoio capelluto, che dà anche sensazioni di prurito e di pizzicore: condizione frequente, che si presenta quando anche la pelle del viso è secca o sensibile per natura, è disidratata per l’età o per un’alimentazione povera di liquidi, di frutta e di verdura. In questa condizione la comparsa della forfora è facilmente scatenata all’uso di prodotti troppo aggressivi o inadatti, in aggiunta a lavaggi troppo frequenti.

Per la forfora secca servono shampoo ricchi di sostanze idratanti (urea, achillea) per riportare il cuoio capelluto alla normalità. Le sostanze antibatteriche e lenitive che entrano nelle formule specifiche servono a combattere irritazione e prurito, e a contrastare le eventuali aggressioni microbiche. A queste si aggiungono altre sostanze (per esempio cere e trimetilglicina, che danno corpo e morbidezza ai capelli. Per completare il trattamento antiforfora sono disponibili maschere, impacchi e fiale che svolgono un’azione idratante per il cuoco capelluto.

La forfora grassa
A squame unte e giallastre, che affligge soprattutto tra l’adolescenza e la maturità, è prodotta da un cuoio capelluto grasso, seborroico, che si accompagna naturalmente a una pelle del viso con le stesse tendenze: caratteristiche che sono personali e genetiche. Sul cuoio capelluto, così come sulla fronte e sulle sopracciglia, c’è una quantità enorme di ghiandole sebacee sensibili ai “messaggi ormonali” che vengono dallo stress fisico o psicologico, dai fattori stagionali come l’inverno e il clima umido, dai cambiamenti fisici e ormonali dell’adolescenza (soprattutto gli ormoni androgeni, quelli maschili), dall’alimentazione sbagliata. Per la forfora grassa serve uno shampoo adatto all’uso frequente e, magari, quotidiano, in grado di detergere senza aggredire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>