Il sole va dosato, come prendere il sole senza rovinare la pelle

di Mariella Commenta

 Per vivere bene il sole al mare o in montagna è d’obbligo esporsi con moderazione e cautela e ben protetti da un efficace solare, che agisca da filtro per i raggi UVB e UVA. Solo così è possibile godere dei suoi benefici.

Preso nella giusta misura il sole trasmette energia, stimola la sintesi della vitamina D che fissa il calcio nelle ossa. E ha anche effetti euforizzanti perché attiva la produzione di endorfine, gli ormoni del benessere. Al contrario, senza una protezione adeguata, gli ultravioletti danneggiano la pelle in superficie e in profondità. I loro effetti combinati, infatti, la disidratano, favoriscono la comparsa anticipata di rughe, alterano le strutture cutanee e, com’è noto, possono avere anche conseguenze più gravi.

Viso e collo più delicati
Viso, collo e décolleté richiedono attenzioni particolari. In queste zone, infatti, l’epidermide è sottile, in più sono sempre esposte, ricevendo una dose di ultravioletti superiore a quella del corpo. Se gli UVB causano arrossamenti, eritemi e scottature, gli UVA sono responsabili del photoaging. Possono penetrare fino al derma, scatenare un’iperproduzione di radicali liberi e intaccare le fibre di collagene e di elastina che garantiscono compattezza alla cute. Compaiono macchie, perdita di tono e rughe.

Le nuove protezioni solari
Evitare eritemi e scottature, arginare il photoaging, prevenire le macchie sono i principali obiettivi dei nuovi protettori solari dedicati al viso, perfetti anche per collo e decolleté, aree estremamente delicate e quasi sempre esposte alla luce. I solari specifici più innovativi coniugano un’efficace azione protettiva con effetti di veri e proprio soin antiage.

Dotati di sistemi filtranti ad ampio spettro, in formule fotostabili resistenti al calore e alla luce, sono in grado di garantire una protezione efficace contro UVA e UVB. Inoltre riparano l’epidermide, la idratano intensamente, migliorano le difese cutanee e preservano le cellule dello strato più profondo dai danni causati dal sole.

Poche ore al giorno
Per viso e decolleté è sempre consigliabile affidarsi a totoprotettivi dotati di Spf (fattore di protezione solare) elevati. Da utilizzare anche quando la carnagione è già dorata. Esporsi progressivamente e limitare i tempi: due ore al mattino e due nel pomeriggio bastano per ottenere un colorito sano e dorato. Assolutamente da evitare invece le ore roventi, dalle 12 alle 16.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>