I massaggi di ginepro e rame per combattere cellulite e ritenzione idrica

di Mariella Commenta

Quando i fluidi non smaltiti si infiltrano nei tessuti, favoriscono la formazione di cuscinetti che, col tempo, si trasformano in adipe. E allora, prova i cosmetici per smuoverli manualmente. Per asciugare il tessuto sottocutaneo dilatato a causa della ritenzione idrica, non bisogna farsi mancare l’aiuto dei trattamenti estetici locali esterni. Questi hanno il grande vantaggio di agire esattamente nelle zone del corpo dove la ritenzione è più accentuata. La loro efficacia sarà molto più elevata se verranno associati al drenaggio interno e a un’alimentazione che non comporti eccessi nell’apporto di sali di sodio.

I trattamenti estetici naturali sono delicati, non invasivi, rispettano i tempi dell’organismo, facilitano il ricambio organico, e, se scelti bene e realizzati con costanza, possono dare evidenti risultati sin dalle prime applicazioni.

L’estratto di ginepro su caviglie, gambe, cosce e fianchi
Sulla parte bassa del corpo e nell’area addominale, dove la ritenzione si deposita soprattutto in età giovanile e nell’età fertile, si dimostra utile per esempio l’applicazione dell’olio essenziale di ginepro, ricavato dalle bacche di questa pianta sempreverde diffusa nei boschi delle regioni temperate.

Il ginepro stimola la circolazione in modo da sciogliere gonfiori e accumuli di acqua e grasso, anche quelli più resistenti. Per utilizzarlo al meglio, si prepara una miscela composta da 3 gocce di olio essenziale sciolte in 2 cucchiai di olio di sesamo (riscaldante) da applicare e massaggiare su gambe, cosce e fianchi. L’applicazione esterna, da ripetere ogni sera per 15-30 giorni, provoca un certo arrossamento e riscaldamento della pelle: non bisogna preoccuparsi perché si tratta di una manifestazione del tutto normale, necessaria per la riattivazione del microcircolo. L’arrossamento, spesso abbinato a sensazione di calore, scompare entro un’ora circa dal trattamento.

Il vantaggio in più: massaggia l’unguento al ginepro anche sull’addome, combatte, oltre ai ristagni, anche stipsi e flatulenza.

Se soffri di gonfiori al viso: argilla e minerali riassorbono le occhiaie
Per drenare i fluidi del volto è utile applicare una maschera a base di argilla e rame-oro-argento. Questa viene preparata sciogliendo una dose di polvere di argilla in una pari quantità di acqua tiepida, cui verrà aggiunta una fiala di rame-oro-argento. Si applica per circa 10-20 minuti, a giorni alterni o ogni 3 giorni, per un mese. Il trattamento riduce anche le borse sotto gli occhi.

Per rassodare il sottobraccia: miele e yogurt
Prepara una miscela composta da un vasetto di yogurt intero, un cucchiaio di miele di castagno, un albume di uovo e il succo di mezzo limone. Mescola gli ingredienti in una ciotola stendi il composto sul sottobraccia, avvolgi con pellicola trasparente e lascia agire per una decina di minuti, quindi risciacqua e applica un velo di olio spinoso (rassodante).

Per rassodare i glutei: olio di betulla
I glutei sono una delle zone più colpite da ritenzione e cuscinetti. Anche in questo caso si possono applicare cosmetici che riattivano il microcircolo, come l’olio di betulla: se ne diluiscono 3-4 gocce in 2-3 cucchiai di olio di mandorle o di sesamo e si applicano sulla zona interessata con una manovra di impastamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>