Il gattonamento, una tappa importante, così cominciano a camminare i bambini

di Mariella 1

Il cosiddetto gattonamento è la prima tecnica usata dal bambino per muoversi in modo autonomo: facendo leva su mani e ginocchia, avanza a carponi. Esistono diverse variazioni rispetto al gattonamento classico e il bebè tende a ricorrere a quella che gli risulta più congeniale: c’è chi, per esempio, procede facendo forza sui gomiti e trascinando le gambine stese dietro, chi invece oltre alle mani appoggia i piedini e non le ginocchia sul terreno (posizione dell’orso), chi ancora si muove all’indietro spingendo sulle braccia e strisciando il sederino.

Al di là della scelta, il gattonamento è una tappa importante verso la conquista della posizione eretta e dei primi passi e tende a evidenziarsi tra gli 8 anni e i 10 mesi di vita, anche se è importante sottolineare che ogni bebè segue ritmi di sviluppo distinti e individuali a seconda della maturazione neuromotoria raggiunta e degli stimoli ricevuti dall’ambiente che lo circonda.

Riuscire a muoversi in modo autonomo rappresenta una conquista fondamentale nella vita del bebè, cui dà modo di esprimere il suo istinto esplorativo e la sua innata curiosità in modo molto più efficace e incisivo. Con il gattonamento, infatti, il bambino inizia il suo viaggio alla scoperta dell’ambiente che lo circonda: è in grado di raggiungere, toccare e prendere le cose che suscitano il suo interesse, comincia ad orientarsi nello spazio e a riconoscere i propri limiti. Tutti aspetti fondamentali per il suo sviluppo psico-fisico.

Va detto che molti bambini raggiungono la posizione eretta saltando la fase del gattonamento. Ciò non deve preoccupare i genitori né tanto meno indurli a forzare il figlio a utilizzare questa tecnica: mamma e papà dovrebbero, invece, limitarsi a seguire e a stimolare l’istinto del piccolo senza spingerlo in un senso o nell’altro.

Anche se comincia a gattonare, per esempio, è consigliabile no affrettare troppo il superamento di questa fase, magari allo scopo di farlo camminare prima del tempo: il gattonamento serve, infatti a fargli acquisire sicurezza e rafforzare i muscoli dorsali, predisponendoli a sostenere il peso del corpo una volta conquistata la posizione verticale.

Quando il bebè comincia a gattonare è necessario aumentare il livello di controllo nei suoi confronti per evitare che possa farsi male o che entri in contatto con oggetti e sostanze pericolose. Tra i principali accorgimenti da adottare rientrano:
– rivestire gli spigoli presenti in casa con materiale morbido per evitare che il piccolo possa ferirsi cadendo;
– bloccare gli accessi alle scale tramite cancellini;
– coprire le prese elettriche con gli appositi rivestimenti;
– riporre in luoghi sicuri e non accessibili al bebè detersivi, medicinali e altre sostante tossiche.

Commenti (1)

  1. Infatti il nostro piccolo Liam ha iniziato a camminare prima di gattonare. Ero preoccupato, perchè pensavo fosse importante per la colonna vertebrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>