Ipertiroidismo: quando la tiroide va in tilt, sintomi e rimedi

di Mariella Commenta

 L’ipertiroidismo è l’aumento della funzionalità della tiroide, una ghiandola situata alla base del collo, che produce ormoni fondamentali per la salute. È un disturbo legato alla produzione esagerata di tali ormoni triiodoritonina (T3) e tiroxina (T4), e spesso accompagnato da nervosismo, tachicardia, dimagrimento, innalzamento della temperatura del corpo, eccessiva sudorazione. Contro i sintomi più acuti possono giovare anche erbe con proprietà antinfiammatorie e riequilibranti.

Per riequilibrare l’iperfunzionalità della tiroide e l’eccessiva produzione di ormoni si può ricorrere al marrubio d’acqua, una pianta medica con sommità fiorite ricche di polifenoli e flavonoidi e, in particolare, di acidi fenolici (acido siringico, sinapico, litospermico e rosmarinico). Tutte sostanze che sarebbero capaci di inibire il metabolismo dello iodio, il minerale responsabile della secrezione di ormoni tiroidei: 40 gocce al giorno con un po’ d’acqua.

Contro l’infiammazione giovano le proprietà del ribes nero, 50 gocce al mattino. Si può associare al sanguinello: 50 gocce in poca acqua una volta al giorno per 3-4 mesi. In presenza di una tiroide di origine virale o batterica in fase acuta, sì all’echinacea: 15-20 gocce 2-3 volte al giorno. In fase cronica, invece, preferite l’uncaria. Mentre, se ci sono febbre e dolore al collo è efficace il salice, un albero dalla corteccia ricca di acido salicilico: 15 gocce 2-3 volte al giorno, oppure 2 o 3 compresse al giorno a stomaco pieno.

Se a predominare l’ipertiroidismo sono insofferenza e insonnia, via libera alla melissa: una tisana o 20 gocce alla sera. In alternativa, soprattutto, in presenza di qualche linea di febbre, si può ricorrere al tiglio, un’erba medica ricca di mucillagini, tannini e oli essenziali, che stimola la sudorazione e abbassa la temperatura. Per una tisana da bere 2 volte al giorno si utilizza circa 1 cucchiaino da caffè di fiori essiccati ai quali si aggiungono 200 ml di acqua bollita. Lasciare in infusione per una decina di minuti e filtrare.

Se, invece, il nervosismo è unito a tachicardia, preferire la cardiaca, ricca di glucosidi e saponosidi, che abbassano la pressione: 15-30 gocce 1-2 volte al giorno in poca acqua. In alternativa, si può ricorrere al biancospino: 20-30 gocce da prendere 3 volte al giorno.

L’importante è ricordarsi che le erbe non sostituiscono le cure mediche e possono interferire con l’uso di farmaci o essere controindicate durante gravidanza o allattamento. Il salice va evitato da chi è intollerante all’acido salicilico. Il marrubio va preso sotto controllo medico. Per una cura personalizzata consultare un esperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>