Sempre più uomini dal chirurgo per ringiovanire lo sguardo o renderlo macho

di Mariella Commenta

La chirurgia plastica si declina sempre di più al maschile. La crisi economica ha portato a un calo generale gli interventi di tipo estetico (-2,4% negli Usa, dal 2008 al 2009), ma per gli uomini il dato è in controtendenza. Le richieste da parte del “sesso forte”, infatti, sono cresciute dell’8,6%, con un netto aumento di preferenze per le tecniche meno invasive per il ringiovanimento del viso.

Sono soprattutto i nati negli anni ’50 e ’60, che hanno buone disponibilità economiche e ci tengono a prendersi cura di sé. Per loro l’obiettivo è conquistare un aspetto rilassato e “togliersi” una decina d’anni.

La chiave per farlo è puntare tutto sullo sguardo, da valorizzare e ringiovanire con varie tecniche: filler per cancellare le rughe e ridefinire i volumi, blefaroplastica per contrastare l’abbassamento della palpebra, o lifting endoscopico per modificare la forma delle sopracciglia.

“Ai pazienti maschi” – suggerisce il Dr. Bernardini– “consiglio di intervenire sulle rughe della fronte. È vero che questi segni possono essere affascinanti e danno un messaggio di virilità, ma esprimono anche vecchiaia e stanchezza. Qui applico trattamenti con filler o tossina botulinica, in modo da restituire freschezza allo sguardo e migliorare la pelle. Senza nulla perdere in mascolinità”

Chi, invece, desidera un risultato definitivo deve optare per un’operazione di chirurgia estetica. La blefaroplastica superiore oppure il lifting endoscopico, incidono su altezza e forma dell’arcata sopraccigliare, sollevandone la coda. Questo basta a donare un aspetto ringiovanito.

C’è il rischio che il paziente, con queste operazioni, perda qualcosa della sua apparenza virile? La discussione con lo specialista prima dell’intervento deve sempre includere tutti gli aspetti che riguardano il messaggio sessuale che si intende dare. “Sopracciglia basse e rette sono associate all’immagine del macho” – continua Bernardini-. “Al contrario, a chi vuole ingentilire e “femminilizzare” lo sguardo si possono disegnare sopracciglia arcuate e più alte lateralmente». Si può intervenire in entrambi i sensi, anche con un trattamento light a base di filler che scolpisce fronte e zona oculare, a seconda degli obiettivi e dei desideri del paziente”.

Francesco Bernardini – Profilo Professionale
Laureato con lode in Medicina e Chirurgia all’Università di Genova, È socio della Società oftalmologica italiana (Soi), Società italiana di chirurgia oftalmoplastica (Sicop), American Academy of Ophtalmology (Aao), European Society Oculoplastic reconstructive surgery (Esoprs) e American Society Oculoplastic reconstructive surgery (Asoprs).
Attualmente è libero professionista, consulente in diversi ospedali di Genova e Torino ed è professore a contratto per la chirurgia dell’orbita e delle palpebre all’Università di Genova.
I suoi studi privati si trovano a Genova, Torino e Milano (www.oculoplasticabernardini.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>