Omeopatia: origini e vantaggi dell’ omeopatia

di Mariella Commenta

 Il primo a intuire il principio di similitudine fu Ippocrate, nel I secolo a.C.: nel corso di un’ epidemia di colera ad Atene, egli utilizzò per i pazienti colpiti dalla malattia piccole dosi di elleboro bianco (Veratrum album), che ad alte dosi provoca diarrea coleriforme nei soggetti sani che l’ abbiano assunta per errore. Successivamente Paracelso (1493-1541) individuò l’ importanza del dosaggio: “La nozione di veleno dipende esclusivamente dalla dose”. Infine, Hahnemann (1755-1843) introdusse il termine omeopatia, dal greco “omoios” (simile, somigliante) e pathos (sofferenza, malattia, esperienza), e la definisce in maniera completa in tre opere fondamentali: Organon, Materia medica pura e Malattie croniche. Nel primo trattato definisce l’ omeopatia come medicina basata sulla legge di smilitudine, nel secondo raccoglie le osservazioni della sperimentazione condotta su soggetti sani somministrando sostanze attive, nell’ ultimo propone il metodo corretto per affrontare e curare le malattie croniche.

I VANTAGGI DELL’ OMEOPATIA
L’ omeopatia presenta numerosi vantaggi… eccone alcuni elencati in “Medicina Naturale dalla A alla Z” di Bruno Brigo:
– I rimedi omeopatici sono ottenuti a partire da materie prime naturali di origine vegetale, animale e minerale.
– L’ assunzione di principi attivi in piccole dosi garantisce l’ assenza di tossicità diretta e di effetti secondari.
– L’ omeopatia cura il paziente stimolando le risposte specifiche dell’ organismo per il ripristino dell’ equilibrio della salute.

– L’ omeopatia consete di trattare la malattia in maniera dolce, rapida ed efficacie.
– L’ omeopatia osserva e cura il paziente nella sua totalità e individualità, considerando anche il contesto in cui vive e lo stile di vita che conduce.
– L’ omeopatia è una forma di medicina personalizzata, basata sulla valutazione sia della malattia sia delle modalità reattive del paziente. Così, soggetti che presentano sintomi uguali possono trarre beneficio da preparati diversi e uno stesso rimedio omeopatico può essere usato per affezioni differenti. per tale ragione nelle confezioni dei medicinali omeopatici non è allegato il foglietto illustrativo.
– Nel rapporto medico-paziente viene valorizzato il dialogo, per una completa comprensione della persona da curare.
– L’ assenza di tossicità dei medicinali omeopatici rende l’ omeopatia l’ ideale per il trattamento dei disturbi in età pediatrica, nella terza età e in gravidanza.
– L’ omeopatia è perfettamente compatibile e complementare nei confronti di altre metodiche terapeutiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>