Musicoterapia, terapia del suono e massaggio sonoro contro stress e insonnia

di Mariella 3

 Il vero benessere ? Una questione di suoni, applicati nella terapia del suono del massaggio sonoro contro stress, insonnia, cattiva circolazione e anche per migliorare le funzioni intestinali. Un’ antica tecnica di guarigione tutta da scoprire. La Terapia armonica (che deriva dalla musicoterapia) usata nel massaggio sonoro è una tecnica di autoguarigione le cui radici sono state tramandate dagli sciamani dell’ America precolombiana e dai popoli d’ Oriente. Vecchie superstizioni ? Non proprio. Recenti studi scientifici confermano che le vibrazioni sonore non inducono solo un effetto rilassante, ma sono in grado di combattere disturbi psico-fisici più o meno gravi. Oggi il massaggio sonoro viene riscoperto in molteplici varianti. Attraverso l’ uso di campane in puro cristallo di rocca o d’ ottone e di appositi lettini sonorizzati è possibile sperimentare un massaggio in grado di armonizzare corpo e mente e ripristinare il benessere psicofisico. Gli atomi delle cellule di ogni essere vivente vibrano in quanto forme di energia. E’ come se ogni più piccola particella del nostro corpo suonasse una sua musica, componendo insieme alle altre un’ originale armonia. Quando quest’ ultima viene spezzata da cause come stress, traumi e inquinamento si manifesta il malessere. Per guarire è necessario accordare il corpo come fanno gli orchestrali con i loro strumenti. In che modo? Somministrando al paziente suoni puri, dall’ elevato potere vibrazionale in grado di riequilibrare i chakra, o centri di energia vitale. Il massaggio sonoro è basato sull’efficacia dei suoni primordiali che venivano già usati dall’ antica “arte di guarigione” indiana più di 5000 anni fa. Nell’ immaginazione asiatica l’ uomo è nato dal suono e quindi è suono. Se l’ essere umano è in armonia con se stesso e con quello che lo circonda, allora si trova in uno stato di benessere ed è capace di modellare la sua vita in modo libero e creativo. Ecco allora tutti i segreti della terapia armonica (o terapia del suono) e alcuni esempi di suoni che curano.

COME FUNZIONA LA TERAPIA ARMONICA (musicoterapia) sul riequilibrio dei nostri centri di energia
Secondo i terapisti del suono quando siamo stanchi, turbati o ammalati, è segno che il corpo, le emozioni e la mente non si accordano bene tra loro. Questa disarmonia è la vera causa del malessere. Ascoltare o produrre anche solo una singola nota, consente di ritrovare la propria accordatura originale grazie al principio della risonanza: la vibrazione che si propaga dall’esterno verso l’interno mette in vibrazione ciò che le è affine. Se si percuote un diapason, per esempio, lo strumento produce una certa frequenza e, se posto vicino a un secondo diapason silenzioso, dopo breve tempo, è in grado di farlo vibrare sulla medesima frequenza. La risonanza può essere applicata anche ai tessuti biologici: il suono entra in contatto con il corpo, viene amplificato dall’ intera struttura ossea e si diffonde a tutto l’ organismo ”accordando” ogni singola cellula. Questa teoria trova un fondamento scientifico negli studi condotti da Fabien Maman, ricercatore, agopuntore e musicista francese, insieme a Helene Grimal, biologa del National Center for Scientific Research di Parigi . I due studiosi, dopo una lunga ricerca nei laboratori di biologia all’Università Jussieu, hanno potuto documentare la reazione delle cellule umane al suono armonico.

EFFETTI BENEFICI della terapia armonica del massaggio sonoro
Allenta tensioni muscolari e stress. Attiva e migliora l’ irrorazione e l’ossigenazione del sangue. Agisce beneficamente sulla circolazione linfatica. Regolarizza l’ intestino, combatte l’ insonnia e i disturbi emozionali. Risana vecchi traumi. Sono questi, secondo gli esperti, i principali benefici della Terapia Armonica. Ma la sua efficacia si lega molto alla capacità, da parte di chi la sperimenta, di abbandonarsi al suono, rilassandosi completamente, in modo da facilitare il meccanismo dell’ autoguarigione. Innescato il processo, assicurano i terapeuti del suono, qualunque malessere psico-fisico può essere combattuto, ristabilendo la primordiale armonia tra corpo e mente, che richiama quella stabilta tra tutte le energie e gli elementi dell’ Universo.

Strumenti di benessere, musicoterapia e massaggi

Arpa Monocorde
E’ uno strumento antico. Tuttora presente in Mongolia e in Vietnam, è stato riscoperto e trasformato in uno strumento adatto alle sessioni di rilassamento profondo e di micromassaggio sonoro.
Una seduta tipo
Il paziente si sdraia su di un lettino sotto cui è posizionata una cassa acustica con 55 corde di fosforo-bronzo accordate sulla stessa nota (Re 292,07 Hz). Il terapeuta inizia a praticare un massaggio rilassante con oli essenziali su alcune zone del corpo: collo, testa, spalle, mani, piedi, e tutti i punti riflessi dei chakra. Così, la tensione si scioglie e, a mano a mano, mentre paziente e terapeuta dialogano, emergono le cause della sofferenza. È il momento giusto per dare il via al massaggio sonoro. Il terapeuta inizia a suonare l’arpa in modo da produrre una base musicale continua, circolare ed avvolgente fin quando il ricevente si trova progressivamente avvolto in un bozzolo dI onde sonore e vibrazioni simile all’ Om. Il trattamento dura 30-40 minuti. Il numero delle sedute va concordato con il terapeuta.

Campane d’ottone
Sono strumenti musicali d’alta precisione. Il loro suono ha una grande estensione armonica e una lunga durata temporale. Le frequenze delle campane tubolari si muovono, infatti, nella gamma tra 86,54 Hz fino ai 1478,59 Hz.
Una seduta tipo
Il terapeuta fa sdraiare il paziente su un lettino sonoro. Dal soffitto pendono le campane tubolari d’ottone con frequenze specifiche “sintonizzate” con i chakra e gli organi interni. Il terapeuta, prima di ogni seduta, pratica al paziente un massaggio rilassante a base di oli essenziali. Quindi, suona le corde sotto il lettino: le onde sonore entrano dalla spina dorsale e si propagano in tutto il corpo. Fa vibrare, poi, le campane tubolari e impone le mani sulle zone di agopuntura. Il suono delle campane tubolari viene accostato al tocco delle mani, che si muovono in una sequenza preordinata lungo il percorso di due meridiani, Ren Mai – Vaso Concezione e Du Mai – Vaso Governatore (sono i primi a formarsi nell’embrione e corrono frontalmente e posteriormente lungo la parte mediana del corpo). Il principio base é quello di agire usando le frequenze appropriate a ciascun livello dei meridiani per rendere così il riequilibrio energetico più completo, stabile e durevole. La seduta dura dai 15 ai 20 minuti. Si consiglia un ciclo di cinque massaggi, 1 alla settimana per 5 settimane.

Campane tibetane
Le bowels, piccole ciotole concave, vengono applicate dalla terapeuta con la mano sinistra direttamente sui punti energetici da riarmonizzare e fatte vibrare con il tocco di un piccolo pestello.
Una seduta tipo:
Il terapeuta pratica un massaggio sonoro utilizzando le vibrazioni delle campane tibetane (bowles) realizzate da una lega di 7 metalli, numero simbolicamente legato a quello dei pianeti del sistema solare e dei chakra vitali. Percuotendo la campana si creano forti vibrazioni che si diffondono rapidamente lungo il corpo facendo ritrovare a ogni cellula le proprie frequenze di benessere.

Campane di cristallo
Le pesanti “ciotole” di purissimo cristallo di rocca emettono un suono puro e vibrazioni sottilissime in grado di regalare sensazioni nuove, quelle di una melodia mai udita prima.
Una seduta tipo
Il terapeuta fa sdraiare il paziente a terra , su un tappeto di gomma piuma, il taitani. Quindi inizia a suonare 10-13 campane di cristallo di rocca, di diversa misura e dai suoni densi e corposi. Le vibrazioni inducono a entrare in una sorta di stato di trance, durante il quale si vedono colori, paesaggi naturali, flash-back del passato. Inizia così, nel rilassamento più completo, il meccanismo interiore dell’autoguarigione. Le sessioni, individuali o di gruppo, durano circa 40-60 minuti. Ogni sessione inizia con una breve meditazione guidata che prepara il corpo all’ascolto, e si conclude con un lungo silenzio per permettere al corpo d’integrare l’esperienza. Si consiglia da 3 a 7 trattamenti. Il numero di sedute andrà, poi, concordato di volta in volta.

(Tratto da Naturalia Domus– articolo a cura di Roberta Leggiero – B&P Editori Free Press – www.bp-editori.it)

Commenti (3)

  1. vorrei inserire il MASSAGGIO SONORO nei programmi della SPA per cui lavoro

    come posso fare?

  2. Ciao Marco, prova a mandare un link nel commento, e lo facciamo direttamente dal commento. Ciao. La redazione

  3. Salve, vorrei sapere se è possibile in Italia seguire seminari circa “la Terapia Armonica”, o avere riferimenti cartacei e non per maggiori approfondimenti. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>