Milano Expo 2015 e l’ incubo del cemento

di Mariella Commenta

Dopo la vittoria di Milano per l’ Expo 2015, arrivano i timori per quello che lo stesso Adriano Celentano chiama la “gittata”: l’ incubo del cemento e di uno sviluppo urbanistico poco bilanciato (..e già Milano non è una delle città più verdi d’ Italia). Gli inviti ad evitare ” bulimie progettuali ” e a capitalizzare con intelligenza la grande occasione dell’ Expo 2015, arrivano anche da architetti e urbanisti. Sul proprio blog Celentano se la prende con Fuksas, Botta, il trio di City Life Libeskind-Isozaki-Hadid, ma soprattutto ha paura per il “colpo di grazia già in canna” su Milano: la “gittata” di cemento finale sull’ Expo. Inviti e raccomandazioni giungono anche da alcuni colleghi dei professionisti citati da Celentano. Ci sono infatti anche grandi architetti e urbanisti che per l’ Expo hanno fissato una scaletta di priorità. Come in ogni grande progetto, si parte dall’ idea, e quella di Alessandro Benevolo (figlio del grande urbanista Leonardo) è che Milano abbia bisogno di un piano organico su cui progettare il suo accrescimento in vista dell’ Expo. Va evitata l’ accozzaglia di progetti finalizzati a facilitare l’ evento, ma incapaci di lasciare tracce durevoli. Per l’ urbanistica a Milano manca una strategia. Un esempio secondo Benevolo è il progetto City Life che non si pone il problema del contesto in cui sarà costruito: si tratta di tre sculture di vetro che vanno bene a Hong Kong come a Pechino. Le idee da sfruttare secondo Benevolo sono la cintura del verde metropolitano e il recupero delle aree ancora dismesse (per non trasformare Milano in una città invivibile). Un altro grande invito è imparare da chi ha già vissuto la vertigine dell’ Expo: Siviglia dopo l’ Expo del ’92 si ritrova con interi quartieri costruiti e poco utilizzati. Si deve quindi ragionare su opere svincolate dall’ evento in sè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>