Carote: nell’ insalata, da sole o nella torta per un’ alimentazione sana

di Mariella Commenta

 La carota, integrata in una sana alimentazione, possiede vere e proprie virtù medicinali: protegge, medica e cicatrizza le pareti intestinali fermando eventuali emorragie, aumenta la secrezione biliare e anche quella lattea, il suo succo ricco di minerali e vitamine ha il potere di ringiovanire i tessuti, mentre l’ olio di carota aiuta contro la carie dentale e le affezioni polmonari e ossee…e pare avere anche un benefico effetto sull’ umore ! Una curiosità: anticamente le carote erano bianche, viola, rosse, giallo-verdi o nere, ma non arancioni. Inoltre, il loro gusto era così amaro che venivano usate solo per fini terapeutici. Oltre alle sue benefiche proprietà per la salute, la carota è utilissima nella dieta: può essere mangiata nell’ insalata oppure da sola come spuntino salutare, o anche centrifugata da bere. I centrifugati sono un ottimo modo per fare il pieno di vitamine e minerali. Si possono preparare con uno o più tipi di frutta e verdura, ma un’ abbinata classica e piacevole al palato è il centrifugato di mela e carota. Ci sono ottimi strumenti in commercio per preparare in modo semplice e veloce i centrifugati (ad esempio Multipress di Braun costa solo 70 euro). Una dieta sana e calibrata può comunque prevedere anche una fetta di torta di carote : un modo dolce per restare in salute ! Ecco la ricetta.

Ricetta torta di carote
Ingredienti: 120 gr carote, 120 gr farina, 100 gr mandorle sgusciate e tritate, 50 gr zucchero, 1 uovo, 1 bustina lievito, mezzo bicchiere di latte, 30 gr burro, 1 pizzico sale, zucchero al velo
Preparazione: Pulire le carote e lavarle sotto acqua corrente, poi asciugarle, grattugiarle e versarle in una terrina. Aggiungere lo zucchero, la farina, l’ uovo sbattuto, il lievito, un pizzico di sale, le mandorle tritate, il latte e il burro. Mescolare con cura l’impasto e versarlo in uno stampo imburrato e infarinato. Cuocere la torta in forno già caldo a 180° per circa 30 minuti. Lasciare raffreddare il dolce e poi spolverizzatelo con zucchero al velo.

A cura di Manuela Torregiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>