Scuola di cucina online sul cibo che cura

di Pina Commenta

Sul sito dell’Adnkronos è comparsa un’interessante notizia relativa alla prima scuola di cucina online per tutti coloro che ritengono che il cibo possa essere curativo. Se la pensate anche voi nello stesso modo dovete dare un’occhiata ai video in rete. 

La salute sempre più passa per la cucina. A patto che si sappia scegliere gli alimenti giusti e conservarli e combinarli nel modo giusto. La sfida lanciata da alcuni nutrizionisti è questa: spiegare a tutti che valutando la dispensa e quel che contiene, si può cambiare anche il proprio stile di vita, si possono cucinare piatti gustosi e allo stesso tempo ricchi di proprietà benefiche per l’organismo.

Mangiare bene è una forma di prevenzione. Di questo è convinto anche il medico ed epidemiologo Franco Berrino che spiega che mangiare bene:

“è un’assicurazione sulla vita. Se impariamo a cucinare in questo modo, possiamo curare eventuali patologie esistenti e prevenire malattie croniche future. Per avvicinarci alla prospettiva di una vecchiaia in ottima salute”.

I corsi a disposizione sono numerosi, quelli del La Fucina, promossi dall’Adnkronos, sono così promossi:

Per i promotori, la battaglia si vince sul campo, dimostrando agli iscritti che i piatti proposti sono buoni almeno tanto quanto altri. “I nostri piatti – dice Alquati – aiutano l’organismo ad assimilare meglio i cibi e a diluire le ‘schifezze’ che si assumono ogni giorno”. Le ricette si basano su un mix fra “sapori mediterranei e gusti tipici della cucina orientale – spiega lo chef – sconosciuti nella nostra tradizione, ma ricchi di proprietà”. Iscrivendosi al corso (corsi.lafucina.it) ci si può sbizzarrire fra 30 ricette, slide scaricabili e oltre 60 video lezioni, in cui, oltre a come preparare il piatto, si illustrano le proprietà medico-scientifiche degli ingredienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>