5 regole per prevenire obesità e disturbi alimentari negli adolescenti

di Pina Commenta

L’American Academy of Pediatrics ha redatto le nuove linee guida, pubblicate sulla rivista scientifica Pediatrics, che suggeriscono come evitare di aumentare il peso corporeo fino a diventare obesi. L’obesità e più in generale i disturbi alimentari sono una piaga sociale.

L’anoressia, la bulimia, i disturbi alimentari e l’obesità sono problemi sociali che nascono a tavola e spesso si legano non tanto a tratti psicologici della personalità fragile degli adolescenti ma a cattive abitudini alimentari. Per andare incontro ai genitori che devono relazionarsi con figli con problemi con il cibo, è stato istituito un call center gratuito, ma molto interessanti sono anche le linee guida dell’Accademia americana di Pediatria. Che suggeriscono gli esperti a stelle e strisce? Riepiloghiamo con l’aiuto di OK Salute:

obesità cattive abitudini

  1. Non indurre un adolescente a seguire diete, specialmente se queste sono fai-da-te e adottate senza una reale necessità. Le diete basate sul conteggio delle calorie, infatti, possono privare gli adolescenti dell’energia di cui necessitano.
  2. Non parlare continuamente di peso, bilancia e corpi fuori forma con i propri figli adolescenti perché potrebbe rivelarsi altamente dannoso. Questi atteggiamenti potrebbero a lungo andare incoraggiare i ragazzi a sviluppare un’insoddisfazione nei confronti del loro fisico.
  3. I genitori devono prestare particolare attenzione anche ai commenti rivolti all’aspetto fisico dei propri figli, che spesso sono bersaglio di prese in giro e cattiverie da parte dei coetanei o dei parenti stessi.
  4. Se la famiglia si riunisce quotidianamente attorno allo stesso tavolo per consumare la cena, i figli sono maggiormente portati a mangiare bene e in modo sano.
  5. Anziché puntare sulla perfezione fisica, è meglio inculcare nei giovani l’idea di corpo sano, legato anche ad una dose quotidiana di attività fisica.