Più facile smascherare le allergie nascoste

di Pina Commenta

I bambini hanno spesso delle reazioni allergiche a non si sa cosa. In pratica sono allergici ma dai test risulta ben poco perché i test non sono sufficienti e scovare l’allergia stessa. Adesso però sembra che si possano curare anche quello che non si vede. Come?
Ci sono allergie spesso nascoste dietro un raffreddore che però, per convenzione è chiamato rinite allergica. In realtà si dovrebbe parlare di Lar, ovvero Local allergic rhinitis. Alcuni ricercatori hanno visto che attraverso l’uso di procedure moderne di tipo diagnostico, da parte del Servizio di Immunologia e allergologia pediatrica dell’Università Sapienza di Roma, è possibile fare un test sulla mucosa nasale e rintracciare questo tipo di rinite.

I sintomi di questa rinite sono identici a quelli della rinite allergica tradizionale, diagnosticata con i test. I bimbi affetti da questo tipo di allergia nascosta, quindi, starnutiscono, hanno delle secrezioni nasali, il naso chiuso e alcune volte hanno delle secrezioni oculari e qualche fastidio agli occhi. Non servono test che dimostrino l’esistenza dell’allergia.

Il vantaggio di diagnosticare una rinite allergica senza test qual è? Che molti bambini, sapendo di avere un’allergia nascosta possono migliorare le loro condizioni di vita. In pratica si prende subito in considerazione il loro problema indipendentemente dalla gravità e così l’impatto sociale si attutisce.

Ci sono poi da considerare anche i vantaggi per i bambini che hanno disturbi più forti, per esempio quelli che non riescono a dormire, o quelli che hanno delle apnee notturne. Sembrano piccoli problemi invece hanno un impatto deciso sul rendimento a scuola, sull’alimentazione, sul sonno. C’è infatti una relazione diretta tra l’uso del corticolo e la mancanza di sonno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>