Come curare i calcoli renali con i rimedi omeopatici

di Pina Commenta

I calcoli renali sono un disturbo che non va assolutamente sottovalutato, non si propone dunque, di seguito, una vera e propria cura per i calcoli renali, che soltanto un medico esperto può consigliarci, bensì dei rimedi naturali che siano da coadiuvanti alle cure degli esperti.

Ricordiamo che i calcoli renali sono causati principalmente da cattive abitudini alimentari, da un ridotto apporto di liquidi, dalla carenza di alcuni essenziali come vitamina B e magnesio, fattori genetici e ormonali, eccesso di sodio, sindrome dell’intestino corto, dismicrobismi intestinali.

I sintomi più comuni sono crampi dolorosi all’addome, alla schiene a ai fianchi, può esserci stimolo frequente ad urinare, bruciore durante la minzione e a volte sangue nelle urine.

A volte può presentarsi febbre, brividi nausea e vomito.

Anche per la cura omeopatica è bene affidarsi ad un medico omeopata per rendere più efficace l’azione dei rimedi, ma ora vediamo insieme quali sono i rimedi omeopatici più adatti per combattere i calcoli renali.

Pareira brava D3

Questo rimedio è consigliato in associazione a Cantharis D5, Acidum nitricum D4 e Plumbum aceticum D6. La posologia consigliata è di una compressa 3 volte al giorno per un mese.

Berberis

Questo rimedio può essere associato a quello precedentemente descritto, per controllare eventuale processi infiammatori. Il rimedio è consigliato diluito più volte e associato a Colocynthis e Veratrum album, utile per le coliche e gli spasmi.

Generalmente si prevedono 10 gocce di ognuno dei medicinali 3 volte al giorno per non più di 4 settimane.

Trovi altri rimedi omeopatici qui.

Photo Credits |Image Point Fr/ Shutterstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>