Come curare la cistite con i rimedi fitoterapici

di Pina Commenta

La cistite è un disturbo piuttosto frequente che coinvolge la vescica. Trattandosi di un’infiammazione si manifesta con dei sintomi ben specifici, fra cui bruciori, frequente stimolo a urinare e fastidi o dolori al basso ventre.

Si tratta dunque di un’infezione urinaria che trova la sua causa più comune in un’origine batterica.

Vediamo dunque come curare questo problema con i rimedi fitoterapici. Ricordiamo che la fitoterapia, in questo caso, propone piante dalla forte azione antisettica e antinfiammatoria delle vie urinarie nonché di rimozione dei batteri stagnanti.

Pompelmo

O Citrus maxima o grandis, questa pianta ha una potente azione antibiotica, soprattutto se si parla dei suoi semi. Sono quindi ottimi per cura dei disturbi del tratto urogenitale e contrastare le infezioni.

Cranberry

Altro rimedio fitoterapico di cui si è diffusamente parlato. Cranberry o Vaccinium macrocarpon è praticamente la varietà americana del nostro mirtillo rosso. Le bacche di questa pianta hanno un’azione batteriostatica, impediscono cioè l’aderenza dei batteri alla vescica e e il loro proliferare.

Mais

O Zea mays, è utile in caso di cistite in cui ci sia bisogno di un’azione diuretica. Gli stigmi hanno anche un potere antinfiammatorio e analgesico, quindi particolarmente utili in caso di dolore forte.

Uva ursina

O Arctostaphylos uva-ursi, è utile in caso di infiammazione o infezione a livello delle vie urinarie. Questo rimedio svolge un’azione antibatterica, antinfiammatoria e in più calma lo stimolo continuo a urinare.

Ottimi anche i gemmoderivati di Mirtillo nero e Mirtillo rosso, ma anche di Erica.

Photo Credits |Gita Kulinitch Studio/ Shutterstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>