Dieta intelligente, dieci regole da seguire

di Pina Commenta

Seguire una dieta intelligente vuol dire fare piccoli passi in maniera lucida, senza essere drastici:

– Non seguire il ‘fai da te’: facile è sbagliare quando ci si autoprescrive diete troppo drastiche

– Non dedicarsi alle privazioni: è controproducente togliere del tutto ciò che più gradiamo. Così facendo aumentano i comportamenti di compensazione: a drastiche riduzioni seguono spesso abbuffate

– Darsi ai piccoli strappi alla regola: non pretendere troppo da sé trasformando la dieta in ossessione. Contare le calorie, pesarsi continuamente, misurare i centimetri persi porta facilmente al fallimento

– Cambiare gli alimenti: i carboidrati offrono energia, mentre le proteine hanno la funzione di costruire i muscoli. Anche i grassi e gli zuccheri sono indispensabili: apportano nutrimento al cervello, composto per il 30% di grassi. L’ideale sarebbe rieducarsi a un’alimentazione più sana, con tutti gli alimenti. Cambiando però le quantità: mezza porzione di tutto

– Donarsi uno sfizio ogni tanto: non eliminare totalmente i grassi o i dolci. Bisogna invece evitare il continuo sgranocchiare di cioccolatini e caramelle: tutte calorie nascoste. Lo zucchero inoltre crea dipendenza e spinge a cercare altri dolci

– Fare molta attività fisica: in regime di dieta, l’organismo è portato a bruciare la massa muscolare da cui dipende il metabolismo basale che, di conseguenza, rallenta il suo lavoro e brucia sempre meno. Bisogna quindi compensare bruciando calorie con l’attività fisica, possibilmente di tipo aerobico

– Convertire la ginnastica in attività quotidiana: sono indispensabili almeno 45 minuti di attività al giorno

– Diventare psicologi di noi stessi e pianificare con attenzione strategie di comportamento utili a non commettere certi errori. Come ad esempio andare a fare la spesa a stomaco vuoto».

– Ascoltare il proprio corpo: il desiderio di un alimento può essere il segnale di un bisogno fisiologico.

– Tenere alte le energie: dieta non significa spossatezza

– Permettersi piccoli ‘premi’.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>