Massaggio al viso antiage con il quarzo rosa, per eliminare le piccole rughe

di Mariella Commenta

Un massaggio per il viso con il quarzo rosa. Questa pietra utilizzata in associazione con manovre drenanti e rassodanti scioglie le tensioni, attenua le piccole rughe e i segni di espressioni. Vediamo come si procede per il massaggio al quarzo. La persona che dovrà sottoporsi al massaggio antiage al quarzo viene fatta distendere sul lettino da massaggio in una stanza luminosa, profumata con oli essenziali rilassanti di arancio amaro, gelsomino, incenso, rosa. Si utilizzano tre pietre di quarzo rosa. Due vengono tenute in mano dalla persona che le carica con il suo calore.

La terza pietra viene appoggiata sul plesso solare, la zona che secondo le filosofie orientali è la sede delle emozioni e dei sentimenti. In questo modo favorisce un rilassamento profondo. Il terapeuta prepara il viso con un massaggio manuale che distende tutta la muscolatura facciale. Utilizza una crema all’olio di mandorle dolci per rendere le manovre più delicate e scorrevoli.

Le manovre con le pietre al quarzo rosa
Alla fine del trattamento preparatorio il terapeuta, con i quarzi riscaldati dalle mani della persona, comincia a disegnare dei piccoli otto, partendo dal décollèté e salendo fino alla fronte. Sul viso si concentra prima su un lato, poi sull’altro, e infine traccia degli otto più grandi su tutto l’ovale. Esercita una leggera pressione verso i lati esterni, oltre le orecchie. Poi verso il basso, oltre il mento. Si sofferma sugli zigomi, sulle rughe naso labiali, sulla fronte.

Stretching dopo il massaggio al quarzo rosa
La seduta si conclude con una sorta di stretching: il terapeuta prende delicatamente tra le mani la testa della persona e la tira verso di sé. Poi la spinge in avanti fino a quando il mento tocca il petto. La riporta indietro sempre sostenendo il collo con una mano. Con una mano avvicina la testa alla spalla destra esercitando una pressione con la mano libera sulla spalla sinistra, e poi con dolcezza fa gli stessi movimenti avvicinando la testa alla spalla sinistra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>