Quando non si sentono più i sapori, può essere una malattia, le cause più importanti

di Mariella Commenta

 A volte non si sentono più i sapori, può succedere per una serie di motivi, anche da cattive abitudini alimentari. In caso di questo disturbo è meglio farsi controllare da un medico. Ma vediamo quali sono le cause più importanti che possono far alterare un senso molto importante come quello del gusto. Oltre al gusto, per distinguere un sapore importante anche l’olfatto, in quanto il sapore è il frutto dell’associazione tra il senso dell’olfatto e quello del gusto. L’odorato, infatti è responsabile di circa l’80 per cento della percezione del gusto. Ecco perché quando non sentiamo più i sapori, ci possono essere problemi anche a livello dell’olfatto, per esempio quando si è raffreddati. Vediamo quali potrebbero essere i fattori che possono scatenare il problema di non sentire più i sapori.

La temperatura, il sapore di un cibo può essere alterato dalla temperatura: i gusti dolce e acido si sentono meglio a temperature superiori a 40 gradi, mentre quelli amaro e acido a temperature intorno ai 20 gradi.. Può essere anche il fumo ad alterare notevolmente la percezione di sapori, dato che modifica l’attività delle papille gustative. Anche l’età le papille gustative muoiono e vengono rimpiazzate continuamente. Dopo i 50 anni, il loro rinnovamento rallenta e la minore produzione di saliva influisce negativamente sulla percezione dei sapori.

Non sentire più i sapori può essere anche una malattia specifica. Ecco le più importanti.

I polipi al naso
Si tratta di formazioni benigne che si trovano in una o in entrambe le cavità del naso e che, se sono grosse, possono causare un senso di ostruzione nasale e problemi ad avvertire i sapori e gli odori.
Che cosa fare: per il naso chiuso servono spray a base di vasocostrittori o di cortisone, per brevi periodi. Sarà il medico a valutare l’opportunità di un eventuale intervento chirurgico.

Le afte
Sono piccole ulcere di forma ovale presenti nella bocca, sulla lingua e sulle labbra, che compaiono in seguito a infezioni virali, lunghi periodi di stress, mancanza di vitamine, allergie alimentari o ad alterazioni ormonali.
Che cosa fare: in genere, scompaiono da sole. A volte, antinfiammatori e disinfettanti a base di clorexidina accelerano la guarigione.

Le micosi
Sono causate da un fungo, la Candida albicans, che può proliferare in modo anomalo, per una momentanea riduzione delle difese. In questi casi compaiono placche biancastre circondate da aree rossastre, associate a dolore che aumenta di intensità al contatto con cibi o bevande.
Che cosa fare: in fase iniziale, basta prendere antimicotici da sciogliere in bocca o fare sciacqui 2-3 volte al giorno per una settimana. Se l’infezione non regredisce, servono antimicotici in compresse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>