Le cure per la pelle grassa, i cosmetici adatti da usare

di Mariella Commenta

 I problemi della pelle grassa sono dovuti a un’eccessiva produzione di sebo che favorisce l’accumulo di sostanze indesiderate, anche nocive, come smog e inquinamento in superficie e crea un effetto lucido sul viso, un colorito spento, alono lucidi ovunque. Da questo e da altri disordini dipende la comparsa di imperfezioni, punti neri, infiammazioni improvvise. Per la loro particolarità, queste tipologie cutanee richiedono cure attente, costanti e specifiche, capaci di riportare equilibrio, senza aggredire, per restituire alla carnagione un aspetto sano, opaco, morbido e uniforme senza però essere troppo aggressive

Pulizia della pelle grassa dolce
La pelle grassa richiede una pulizia accurata e meticolosa per rimuovere il sebo in eccesso e ossigenare la pelle. Attenzione, però, alla scelta del detergente: se è troppo sgrassante, impoverisce la cute, innescando una reazione contraria che induce le ghiandole sebacee a produrre più sebo, peggiorando la situazione.

Per migliorare gli effetti negativi della pelle grassa, è consigliabile affidarsi quindi a prodotti specifici, dalla texture leggera (in gel, latte, emulsione) che svolgono un’azione purificante, antibatterica e astringente, senza aggredire, lasciando la pelle pulita, asciutta e setosa.

La detersione della pelle grassa si esegue due volte al giorno: la sera per rimuovere polveri, sporco e residue di make up, la mattina per togliere dal viso il velo untuoso che si è formato durante la notte.

Gommage delicato
Per potenziare gli effetti della pulizia è bene eseguire uno scrub una o due volte la settimana, utilizzando prodotti dolci: grazie a microgranuli esfolianti eliminano le cellule devitalizzate che possono occludere le secrezioni sebacee, liberano i pori e aiutano a contrastare le impurità. Così mantengono la pelle sottile e levigata e migliorano la grana della carnagione, rendendola più liscia e uniforme. Si stendono sul viso leggermente umido, si massaggiano con movimenti circolari dei polpastrelli, insistendo soprattutto sulla zona centrale a T e infine si sciacquano accuratamente con acqua tiepida. E i risultati si vedono subito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>