Menopausa: star bene con le cure dolci, l’omeopatia per i disturbi della menopausa

di Mariella Commenta

Vampate, insonnia, sbalzi d’umore e depressione, senso di affaticamento e secchezza vaginale. Sono i sintomi più frequenti della menopausa, capaci di peggiorare la qualità della vita nel 75% delle donne dopo i 50 anni. La medicina classica li cura con la terapia ormonale sostitutiva. Ma non tutte desiderano ricorrere per un lungo periodo a questi farmaci che possono avere anche effetti collaterali. L’alternativa per risolvere i problemi della menopausa è rivolgersi alla medicina dolce.

L’omeopatia, associata a una dieta personalizzata e all’assunzione di integratori rappresenta lo strumento migliore per affrontare la menopausa: offre un approccio su misura, come un abito a pennello. Per questo è importante rivolgersi a un medico omeopata specializzato in questi problemi.

Anche le piante sono una fonte preziosa di sostanze in grado di stimolare, seppur in piccole dosi, i recettori estrogenici, migliorando l’equilibrio ormonale. Le più ricche di fitoestrogeni sono la soia e il trifoglio rosso, che contengono gli isoflavoni. Si assumono sotto forma di integratori in capsule o bustine, per un tempo indeterminato.

Un programma nutrizionale ad hoc, che tenga conto di eventuali intolleranze alimentari, è però ugualmente indispensabile. Potenzia lo stato di benessere e la salute globale, risolvendo molti disturbi come ritenzione idrica, dolori articolari, cefalea e meteorismo, che spesso aumentano in menopausa.

Contro i disturbi della menopausa, l’omeopatia propone diverse soluzioni. Il rimedio più utilizzato è Lachesis Mutus, è a base di un veleno di un serpente il cui morso dà gli stessi sintomi che risolve la diluizione omeopatica: vampate, palpitazioni, mal di testa. In più, aiuta a stabilizzare l’umore migliorando la qualità del sonno ed è l’ideale per le donne con problemi vascolari, in sovrappeso e con un peggioramento dei disturbi al risveglio.

Un altro rimedio omeopatico per la menopausa, Sepia è invece indicato per chi è magra di costituzione, soffre di forti sudorazioni ed è a rischio di depressione, mentre Thuya giova a chi ha infezioni croniche e tende a fissarsi sulle proprie paure.

Infine, Actea Racemosa contro vampate, tensione cervicale e umore irascibile. Le dosi sono di 5 granuli 3 volte al giorno fino alla scomparsa dei sintomi; la diluizione varia a seconda delle esigenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>