Pap test: la prevenzione che funziona, chi deve farlo e quando

di Mariella Commenta

 Il tumore al collo dell’utero non fa più troppa paura; il suo esito mortale è in calo in Italia, grazie ai programmi di screening oncologici e alla libera iniziativa delle donne che, 3 su 4, effettuano il pap test ogni 3 anni.

Sono state, infatti, l’89% le italiane che hanno aderito all’invito delle Asl e delle Regioni nell’ambito di iniziative di prevenzione gratuita e 37% quelle che si sono rivolte al ginecologo privato per il controllo.

Sono questi i dati diffusi dall’Istituto Superiore di Sanità, che sottolinea la sensibilità al problema sia presente soprattutto al nord. Ma c’è anche chi non ha mai effettuato un pap test: 11 donne su 100 hanno dichiarato di non averlo mai fatto. Motivo? Vergogna e imbarazzo nei confronti dela visita ginecologica.

Che cos’è il pap test
Il pap test è un prelievo indolore di cellule dalla cervice uterina.

Chi deve fare il pap test
Tutte le donne tra i 25 e i 64 anni che abbiano una vita sessuale attiva.

Dove si fa il pap test
In ambulatorio o dal proprio ginecologo

Ogni quanto
Alcune Regioni hanno programmi di screening. Il Ministero della Salute raccomanda di effettuarlo almeno ogni 3 anni.

Perché fare il pap test
Permette di scoprire lesioni tumorali in fase precocissima consentendo di intervenire subito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>