Grasso addominale: affligge uomini e donne, le origini e i rischi

di Mariella Commenta

Il grasso viscerale, noto anche come grasso addominale, è la parte di tessuto adiposo concentrata all’ interno della cavità addominale e distribuita tra gli organi interni e il tronco. Il grasso addominale si differenzia da quello sottocutaneo, contenuto nell’ ipoderma, lo strato più profondo della cute, e da quello intramuscolare, che è invece distribuito tra le fibre dei muscoli (tuttavia anche quest’ ultimo sembra correlato in misura significativa all’ insulino-resistenza e quindi al diabete e al sovrappeso).

Le cause e i rischi del grasso addominale
Nella formazione del grasso addominale vi sono fattori che non possono essere modificati: l’uomo e la donna dopo la menopausa sono esposti a questo rischio e, se non ingrassano, il tessuto adiposo si localizza in tale sede: nell’ uomo, per l’ azione di alcuni ormoni, fra cui il cortisolo e il testosterone; nella donna in menopausa, per la assenza di altri ormoni, estrogeni e progesterone. Vi sono poi fattori modificabili, come la dite e lo stile di vita stressante e/o sedentario.

L’ accumulo di grasso addominale rappresenta un vero e proprio fattore di rischio cardiovascolare, aumentando le probabilità che un soggetto possa sviluppare malattie cardiache (angina, infarto), vascolari (l’ipertensione arteriosa) o metaboliche (diabete, aumento del colesterolo cattivo LDL, dell’ acido urico e dei trigliceridi). Sovrappeso e obesità, con un aumento generalizzato del grasso corporeo, moltiplicano il rischio.

Consigli utili a tavola per il grasso addominale
Via libera a: cereali e derivati integrali (pane, pasta, ecc.), legumi, verdure e frutta, carni bianche, pesce, uova, formaggi magri, yogurt naturale bio. Sono indicati tutti i super cibi che controllano l’ indice glicemico.

Meglio evitare: dolci, cibi salati, salse, fritti, carni rosse e alimenti contenenti additivi.

Gli integratori che eliminano il grasso addominale

L’ estratto di banaba contrasta sovrappeso e intolleranza agli zuccheri

Si ottiene dalle foglie di Lagerstroemia speciosa, un albero originario del Sud-Est asiatico. Contiene acido corosolico che nell’ organismo svolge un’ azione insulino-simile; proprio per questo favorisce l’ utilizzo del glucosio da parte delle cellule, contribuendo alla prevenzione dell’ insulino-resistenza, del diabete mellito e del grasso addominale. Inoltre, riduce i livelli di colesterolo e di trigliceridi nel sangue.

Come si usa l’ estratto di banaba
Assumi 3 volte al giorno 1 compressa da 300 mg di estratto di banaba titolato in acido corosolico, con abbondante acqua, almeno 20 minuti prima dei pasti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>