Patchouli: euforizzante, afrodisiaco e irresistibilmente sensuale

di Mariella Commenta

Il patchouli si ricava dalle foglie essiccate, macerate in acqua e poi distillate di un albero coltivato in India, Malesia britannica, Sumatra ed Sud America. Un’ essenza dal colore bruno e consistenza vischiosa, un profumo legnoso, intenso, persistente, un lieve sentore di muffa, con una rara qualità, migliora con l’ invecchiamento.

Anticamente il patchouli era molto apprezzato come afrodisiaco, ricorre nella composizione di molte profumazioni, dove porta una nota muschiata ed esotica e funge da fissativo, ottimo antitarme, è anche utile per allontanare gli insetti. Una profumazione intensa che, se mischiata bene con bergamotto, lavanda e rosa, piace a tutti.

Ai giovani, perché riesce a conciliare armoniosamente la prepotenza fisica dello slancio ormonale e le grandi aspirazioni idealistiche, alle persone mature, abituate a tenere sotto controllo l’ istinto, per gli effetti euforizzanti. Sotto lo stimolo del patchouli la ghiandola pituitaria produce endorfina, provoca un leggero effetto sedativo e antidepressivo negli stati ansiosi.

Proprietà terapeutiche del patchouli
Utilizzato in medicina popolare come febbrifugo, tonico e stimolante, il patchouli veniva tradizionalmente prescritto come diuretico e carminativo negli stati bilioso. Apprezzato dalla moderna Aromaterapia per le proprietà afrodisiache, antidepressive, sedative, antiparassitarie e astringenti, è efficace nel trattamento degli edemi, della cellulite e della ritenzione idrica. Trova largo impiego in dermatologia per le virtù antisettiche, battericide e antiaging.

Come si usa il patchouli e le dosi
Nel diffusore di essenze: 10 gocce per profumare l’ ambiente,
Per purificare l’ aria della stanza di un ammalato: alcune gocce su un fazzoletto, sul cuscino, nella vaschetta dei caloriferi,
Massaggio: da 6 a 8 gocce in 2 cucchiai di olio base ma massaggiare sulla pelle
Bagno: da 4 a 10 gocce in acqua tiepida nella vasca,
– Doccia: 3-4 gocce su un guanto di spugna bagnato, massaggiare delicatamente tutto il corpo,
Inalazioni: portare l’ acqua ad ebollizione, toglierla dal fuoco, aggiungere 5-8 gocce di essenza, coprire il capo con asciugamano e respirare il vapore benefico,
Frizioni: 2-3 gocce di essenza diluite in una base alcolitica, frizionare sulla regione cutanea corrispondente all’ organo affetto
Pot-pourri: 10 gocce di essenza rigenerano il profumo dei fiori secchi
– Gli oli essenziali sono utili per pediluvi, maniluvi, semicupi

Qualche ricetta per l’ utilizzo del patchouli
L’ olio essenziale di patchouli può essere utilizzato in vari modi, vediamo quali:
Stress, frigidità, esaurimento psicofisico: 2-3 gocce di essenza nel bagno con sandalo e ylang ylang, 2 gocce di essenza in un cucchiaino di olio di mandorle, massaggiare la schiena e la zona addominale,
Cellulite, ritenzione idrica: 2-3 gocce di essenza possono essere aggiunge ad un olio di massaggio specifico, ad esempio l’ arancio dolce; nel bagno si può mescolare con ginepro, rosmarino e limone (3 gocce ciascuno),
Ferite, pelle fissurata, screpolature, infezioni fungine: applicare una goccia direttamente sulla parte interessata fino a guarigione,
Infezioni vaginali: impacchi o irrigazioni con una goccia di patchouli e una goccia di tea tree in acqua fredda,
Infezioni del cavo orale: sciacqui con una goccia di patchouli e una goccia di tea tree in acqua fredda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>