Fare pipì in piscina, ecco tutti i rischi sulla salute

di Malvi Commenta

Fare pipì in piscina è pericoloso per la salute, oltre che vietato. Eppure uno studio pubblicato su ‘Environmental Sciences and Technology Letters’ fa notare come questo vizietto sia davvero molto comune e a confermarlo sono i numeri: una piscina grande un terzo rispetto a un’olimpionica contiene 75 litri di urina, che scendono a 30 in una vasca più piccola.

benefici acquagym

Numeri alti che devono fare riflettere, anche perché fare pipì in piscina è pericoloso per la salute, come sottolinea Lindsay Blackstock, dottoranda di tossicologia analitica e ambientale dell’università dell’Alberta, in Canada, che ha partecipato alla ricerca:

Le urine sono ricche di sostanze azotate come urea, ammoniaca, amminoacidi e creatinina. Reagendo con i tipici disinfettanti a base di cloro, possono formare composti detti Dbp. E l’esposizone ai Dbp volatili, in particolare alla tricloramina, nelle piscine coperte può causare irritazioni oculari e respiratorie. Fino all’asma occupazionale per chi negli impianti ci lavora. Con ogni probabilità i risultati ottenuti sarebbero più o meno lo stessi in ogni altro luogo del mondo perché le persone fanno pipì in piscina d’abitudine

 ACQUA FITNESS, ESERCIZI FAI DA TE PER RITROVARE LA FORMA IN PISCINA

Gli scienziati, conducendo lo studio, hanno esaminato oltre 250 campioni di acqua di piscina, nei quali hanno cercato un dolcificante artificiale chiamato acesulfame-K, che viene generalmente contenuto nei cibi processati e nelle bevande frizzanti. Siccome l’organismo non lo metabolizza, lo espelle tale e quale attraverso le urine. Ecco perché la presenza di questo dolcificante nell’acqua della piscina sta a significare che qualcuno ha fatto pipì.

Foto | Thinkstock